moeche

Due volte l’anno in primavera ed in autunno gourmand ed intenditori vanno a caccia delle moeche teneri granchi di laguna sorpresi nel periodo della muta quando si liberano del guscio e si lasciano gustare interi. I piccoli crostacei una volta impigliati nelle tresse (reti fisse) vengono stivati in sacchi di juta e poi selezionati a mano uno a uno per separare i gransi boni cio√® quelli prossimi alla muta dai gransi matti non idonei a trasformarsi in mosche. Qui il moecante da prova di una sapienza che si impara solo sul campo, con un’ occhiata che identifica a colpo sicuro un piccolo segno sulla pancia, vengono stoccati nei vieri, cassoni in legno in sospensione nell’acqua, il delicato processo di maturazione dei granchi prosegue sotto l’occhio attento del pescatore.

Per esaltare il gusto di queste primizie la nostra ricetta prevede farina acqua e fritte senza utilizzare quindi la pastella con uovo .